sabato 15 marzo 2008

Le ricette di Silvio

Aaaarrrrgggghhhh!!!!
Non ce la faccio più!!!
Da due settimane lavoro mattina e pomeriggio ininterrottamente e mi si sta fondendo il cervello!
Anche oggi, dopo la pausa caffè post pranzo, mi riattende il lavoro fino a stasera... sabato sera!!!!!
E anche il mio caro blog ho latitato: che vergogna l'ultimo post è del 10 febbraio!
Cacchio...sono le quattro: mi tocca sospendere, ma riprenderò stasera...promesso!
...Rieccomi (ma è già Domenica)!
Sono la fossa delle Marianne della stanchezza; il K2 dello sfinimento; il Nilo della spossatezza: sono stato chiaro?
Ma questa volta non si scappa e dopo due post di natura "pseudo-erotica" si ritorna all'argomento che ci accompagnerà fino al 13 aprile: come sistemare le giovani precarie italiane.
Secondo il giovanilissimo, ardito ed evoluto prossimo premier il miglior metodo per affrontare e risolvere il problema del precariato femminile è sposare un milionario.
Cazzo, che idea geniale!
Avete capito care elettrici berlusconiane? Non pensate minimamente di educare le vostre figlie instillando l'importanza della cultura, dello studio, della conoscenza: perché tanto non sarà tutto questo a rendere la loro vita più semplice e migliore...basterà darla al primo milionario che passa!
Care elettrici berlusconiane non crescete le vostre bambine portando loro ad esempio figure come Rita Levi Montalcini, Margherita Hack, Wangari Muta Maathai, Shirin Ebadi, Rigoberta Menchú Tum, Doris Lessing, ma sin dalla tenera età leggete loro le gesta di grandi donne come Elisabetta Gregoraci, vera icona del berlusconian-pensiero in tema di precariato.
Care elettrici berlusconiane, se avete figlie con bei culi, non permettete loro di rovinare un tale "patrimonio" obbligandole ad ore di studio forzato su scomode sedie, ma fateglielo mettere in mostra ad ogni piè sospinto: fatele sgattaiolare nelle spiagge popolate dai vip; organizzate una full immersion di provini e casting televisivi; scendete ad ogni tipo di compromesso pur di farle partecipare alle feste mondane più in.
Insomma insegnate loro che la sola arma che hanno a disposizione è la "cul" tura.
P.S. Il futuro premier ha già in serbo nuove ricette per altri annosi problemi che attanagliano l'Italia: per arrivare tranquillamente alla fine del mese giocare al superenalotto; per combattere la malasanità andare in gita due volte all'anno a Lourdes; per non avere mai problemi di giustizia... beh, basta scegliere lo schieramento giusto!
E allora, davanti a tali sublimi soluzioni c'è ancora da riflettere? il 13 e 14 aprile...



6 commenti:

Kallidus ha detto...

Di Tutti i comici in circolazione,chissà xkè ma questo non mi fà proprio ridere...

Pianola ha detto...

Siamo invasi da degrado morale,culturale,etico,e....ahinoi da degrado umano..Io non so dove andremo a finire ..Davvero come cresceranno i nostri figli?...Quali esempi e modelli inseguire..a cosa modellarsi?..come formare la propria identità, quali progetti REALI da pensare?
Il 13 e 14 avremo le palle di dare risposte a queste domande? ....cito una canzone di Niccolo Fabi, "METTERE LE ALI" , che dice :
-una cabina elettorale
con la penna in mano prima di votare
non c'è un posto migliore in cui sognare
il sogno è un altro mondo in cui guardare
qualunque terra si può fare mare
non c'è un posto migliore in cui sognare----
ciao a tutti

carlitos ha detto...

Fantastico e drammatico questo post... hai messo nero su bianco (o il contrario??) quello che io da sei anni definisco "l'abbrutimento culturale italiano"... mai come ora spicca l'attualità di una battuta storica del principe De Curtis: "se ha dei figli li faccia sguazzare nell'ignoranza!!!"... in sostanza siamo tornati indietro di 54 anni....

Anonimo ha detto...

Era una semplice battuta... non prendiamo alla lettera tutto quello che i coglioni dicono...
Allora io sarei da manicomio criminale :D
Il vero problema è un altro... ma non ve lo dico... suspance :D
COSMOOoooooooooOOOOOooooo vieni al concerto dei Metallica con me? lo so che mo sei padre ma che cazzo... :D

Black ha detto...

L'ennesima caduta di stile da parte del rattuso Silvio...che tristezza..
Povero a chi lo vota!!!

Anonimo ha detto...

Sono felice che mio marito lo abbia definito pubblicamente coglione, anche se lo ha fatto in "anonimo" :-D
Marti